Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

La proroga degli incentivi per le ristrutturazioni delle case. Energetiche e non. E per i mobili.

Il Governo Letta ha prorogato gli incentivi agli interventi edilizi. Sono di vario tipo, durano fino al 31 dicembre 2013, con gli ecobonus estesi fino al 31 dicembre 2014 nel caso di interventi su edifici e non sulla singola unità abitativa.

Per le ristrutturazioni “classiche”, si recupera il 50% della spesa in 10 anni (massimo importo dei lavori 96.000 mila euro). Si detrae l’importo dalle tasse.

Una novità. Positiva. Per un importo limite di 10.000 € si possono detrarre anche i mobili legati all’opera.

Esempio. La ristrutturazione dei locali prevede la sistemazione della cucina? I mobili nuovi della cucina sono detraibili ad esclusione degli elettrodomestici. Non è ammesso sistemare la cucina e detrarre il mobile del bagno.

Gli ecobonus, cioè gli interventi per il risparmio energetico, hanno un’aliquota più generosa di detrazione. E’ del 65 %.

I lavori ammessi sono i soliti: impianti di riscaldamento efficienti, pannelli solari termici, isolamenti a cappotto, serramenti, impianti da fonti rinnovabili.

Con una detrazione così favorevole, la gran parte degli interventi risulta economicamente conveniente e si ripaga in un periodo limitato.

Il Comune di Maslianico è impegnato nel raggiungimento degli obiettivi 20-20-20 condivise dall’Italia in sede europea.

Per raggiungerli servono interventi di efficientamento energetico sulla proprietà private (più del 90% del consumo locale) e pubbliche.

Gli incentivi sono molto indicati per chi ha impianti vecchi, soprattutto in condomini.

Il momento economico non è assolutamente florido e le possibilità di investimento sono limitate.

Ma è comunque giusto segnalare le possibilità date.

Anche con un esempio.

Un impianto a gasolio con una caldaia della passata generazione e senza contabilizzazione del calore può avere costi anche del 40%-50% superiori ad un moderno impianto a metano.

Ciò significa che, insieme all’incentivo, in meno di tre anni ogni singolo condòmino ha recuperato la spesa.

Per gli anni a venire, è tutto risparmio.

E, da non sottovalutare, minore inquinamento e consumo delle risorse naturali.

Tag(s) : #Efficienza energetica, #Energia, #Incentivi, #Governo Letta

Condividi post

Repost 0