Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Tratto dal sito del Comune di Maslianico:

 

 Il 2012 della raccolta rifiuti è stato positivo. Con i gravi problemi diffusi nella nostra società, la consolazione è effimera. Si cerca di vedere il bicchiere mezzo pieno: si consolida un servizio apprezzato e dalla buona sostenibilità ambientale.

Con i risultati raggiunti a Maslianico potremo compilare la richiesta per entrare a far parte del club dei “COMUNI RICICLONI D’ITALIA”, istituito da Legambiente e patrocinato dal Ministero dell’Ambiente.

 

Passiamo ai dati. Si butta via meno e si butta via meglio. La quantità totale di rifiuti diminuisce ed aumentano tutte le raccolte differenziate ad esclusione del metallo.

 

Con la raccolta dell’umido e la minor quantità di rifiuti, si è riusciti a contenere le spese per lo smaltimento.

Si compensa, in parte, l’aumento dei costi generali del servizio.

 

Infine, nota dolente. Nel 2013 nascerà la nuova tassa rifiuti (a meno di decisioni a breve).

E’ uno dei risultati del federalismo fiscale voluto negli ultimi anni.

 

Si chiamerà TARES e sostituisce la TARSU. L’incasso dovrà coprire totalmente i costi del servizio di raccolta e smaltimento rifiuti. Fino a qui niente di nuovo: è già così. In aggiunta il tributo finanzia anche parte dei cosiddetti “servizi indivisibili”, quelli non quantificabili per i singoli (illuminazione pubblica, manutenzione delle strade, polizia locale ecc.).

 

Il valore degli “indivisibili” è fissato dal comune? Più no che si. La norma obbliga i Comuni ad applicare una maggiorazione al servizio rifiuti, compresa tra gli 0,30 € e gli 0,40 € al metro quadrato di superficie.

 

Come se non bastasse, i trasferimenti statali al Comune saranno ridotti di una cifra pari a quella incassata per i “servizi indivisibili”.

 

A noi amministratori locali tocca il compito più ingrato: applicare i nuovi tributi.

Ne avremmo certamente fatto a meno.

 

 

Francesco Gatti – assessore all’ambiente –

 

Raccolta rifiuti - confronto Anni 2012 e 2011.                                                                 
Dati in kg, se non diversamente indicato.
  2012 2011 Variazione  2012 - 2011
  Valore in kg Valore in kg
Totale Indifferenziati (sacco grigio, ingombranti, pulizia strade) 379550 634070 -254 520
RACCOLTE DIFFERENZIATE
Umido 193 840 31 280 162 560
Carta 203 917 188 030 15 887
Plastica 104 300 89 570 14 730
Vetro 142 060 138 440 3 620
Metalli 32 180 43 760 -11 580
Altri differenziati (legno, verde, batterie, frigoriferi televisori, oli ecc…) 219 711 201 037 18 674
Totale differenziate 891 058 692117 198 941
Altri rifiuti (inerti e cimiteriali) 46960 60 420 -13 460
Totale rifiuti 1317568 1386607 -69 819
Rifiuti pro capite al giorno 1,07 1,13  
Percentuale raccolta differenziata                                                              (La voce "Altri rifiuti" è fuori conteggio.) 70,13% 52,19% 17,94%
ALCUNI DATI ECONOMICI
Incassi raccolta differenziata €23674,55 €21890,61 € 1 783,94
Costi di smaltimento (solo indifferenziati, ingombranti, pulizia strade, verde, legno e alcuni rifiuti pericolosi) €75165,60 €86418,59 -€ 11 252,99
Spesa netta per lo smaltimento ( costi - incassi) €51491,04 €64527,98  
Tag(s) : #Amministrazione

Condividi post

Repost 0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti: